Ambienti di casa nasce con l’idea di offrire al cliente un servizio completo, una vera e propria missione. Creare la casa dei tuoi sogni senza dover correre da un rivenditore all’altro. Sul nostro portale troverai qualsiasi prodotto per rinnovare la tua casa.
+ 01145928421 info.ambientidicasa@gmail.com

Blog

HomeIspirazioniParquet, vuoi un pavimento in legno e non sai da dove iniziare?

Parquet, vuoi un pavimento in legno e non sai da dove iniziare?

Parquet, vuoi un pavimento in legno e non sai da dove iniziare?

In genere la scelta del pavimento di legno viene fatta in base a criteri estetici (colore, venature, trattamenti) e al tipo di utilizzo previsto per il pavimento stesso.
Prima della scelta del colore, però, è consigliabile pensare a dove andrà posato il pavimento e a come vivrà nell’ambiente.
Non va dimenticato che l’umidità e la temperatura dell’ambiente incidono molto sulla stabilità del legno, ovvero sulla perfetta tenuta in varie condizioni climatico/ambientali, per questi motivi spesso conviene scegliere legni di buona stabilità e media durezza.

Perché scegliere un pavimento in legno

1) Buon isolamento termico
2) Buon isolamento acustico
3) Resistenza all’usura
in dipendenza della intensità del calpestio. Sono in legno i pavimenti dei più famosi musei e teatri del mondo, come il Louvre di Parigi e la National Gallery di Londra, la Scala di Milano e il Metropolitan di New York. Inoltre le intrinseche doti di durezza e di elasticità fanno preferire il pavimento in legno per ogni tipo di impianto sportivo: palestre, palazzi dello sport, piste per velodromi e per bowling.
4) Economicità:
considerata la sua lunga conservazione, in funzione anche della facilità di ripristino e di riparazione, il pavimento in legno è sicuramente, tra tutte le pavimentazioni, quello che consente, nel tempo, il massimo ammortamento del costo iniziale.
5) Facilità di manutenzione:
trattamenti della sua superficie con appositi prodotti consentono un’eccellente conservazione e un’ottima pulizia con il minimo impegno di manutenzione.

Parquet tradizionale e Parquet predefinito: le differenze

Il “Parquet tradizionale” o “massello” è un pavimento realizzato da vari elementi tutti della stessa specie legnosa. Solitamente si varia dai 10 ai 22 mm di spessore tutto in essenza.
Il “parquet prefinito” è invece composto da due o più strati di legno diverso, Abete e Betulla sono quelli che vanno per la maggiore. Lo strato nobile (la faccia calpestabile) dei “parquet prefiniti” non deve essere inferiore ai 2,5 mm di spessore.

Parquet multistrato o predefinito : caratteristiche e composizione

Si tratta di una serie di strati in legno che subiscono varie lavorazioni dalla calibratura alla levigatura, passando dalla lavorazione ai lati per ottenere l’incastro a maschio e femmina fino ad arrivare alla verniciatura.
E’ composto da uno strato superiore detto “strato nobile”, che è la faccia calpestabile del “parquet multistrato”, mentre gli strati sottostanti hanno il compito di mantenere il pavimento stabile contrastando la sua naturale reazione alle condizioni ambientali. Queste caratteristiche rendono il “parquet prefinito” o “multistrato” ideale per qualità e durabilità nel tempo ed estremamente facile e veloce da montare.

Su un pavimento riscaldante posso posare il Parquet?

Certo: l’importante è avere alcuni accorgimenti.

Il riscaldamento deve essere spento almeno 5/6 giorni prima della posa del pavimento e la temperatura superficiale del massetto al momento della posa deve essere circa 15/20°C con un’umidità ambientale massima del 65%.
L’umidità del parquet deve essere attentamente controllata prima della posa, per verificare che non sia superiore ai valori massimi ammessi. Nella posa di pavimenti galleggianti, va considerata la resistenza termica dello strato di isolamento acustico (di circa 2,5 mm di spessore) che va posto sotto il pavimento.
Nella posa con colle è consigliabile mettere per alcuni giorni in funzione il riscaldamento prima di iniziare a levigare il parquet; questo allo scopo di permettere un assestamento del pavimento prima della stuccatura.

POST A COMMENT